Bando Innoaid Puglia: cos’è e cosa finanzia [2021]

bando innoaid puglia 2021

Secondo i dati ISTAT, l’imprenditoria pugliese è formata per il 96,6% da micro-imprese, le stesse che fanno fatica ad evolvere i loro sistemi produttivi al ritmo del cambiamento tecnologico globale. Il Bando Innoaid Puglia si propone proprio questo: aiutare le MPMI ad affrontare e sostenere la transizione digitale. Ecco cos’è, come funziona, a chi è rivolto e cosa finanzia.  

Cos’è Innoaid Puglia

Con una dotazione finanziaria di 30 milioni di euro, Innoaid Puglia è un’agevolazione concessa alle MPMI (micro, piccole, medie imprese) pugliesi per incoraggiare interventi di innovazione e avanzamento tecnologico, sostenere l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale, creare collegamenti e sinergie tra imprese. Il contributo è riconosciuto sotto forma di fondo perduto e per un importo massimo di 305.000 euro.

Ricordiamo che si definiscono:
– Microimprese: le aziende con ULA inferiore a 10, fatturato oppure bilancio inferiore a 2 milioni di euro
– Piccole imprese: le aziende con ULA inferiore a 50, fatturato oppure bilancio inferiore a 10 milioni di euro
– Medie imprese:
le aziende con ULA inferiore a 250, fatturato inferiore a 50 milioni di euro oppure bilancio inferiore a 43 milioni di euro

Bando Innoaid Puglia: requisiti e destinatari

Destinatarie di Innoaid Puglia, sono le MPMI pugliesi costituite in forma singola o associata, consorzio, ATI, Reti di imprese con personalità giuridica (Reti-soggetto) o Reti di imprese senza personalità giuridica (Reti-contratto), rientranti nella lista dei Codici ATECO dell’allegato 2 del Bando.

Inoltre, requisiti obbligatori per accedere al Bando Innoaid Puglia sono:

  • Essere iscritti nel registro delle imprese presso la CCIAA del territorio competente
  • Essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali dei lavoratori
  • Essere in regola con la normativa antimafia
  • Avere la capacità economico-finanziaria per sostenere il progetto da realizzare oppure la finanziabilità da terze parti accompagnata da documentazione
  • Avere sede o unità locale in Puglia
  • Avere la capacità operativa e amministrativa in relazione al progetto da realizzare
  • Essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non trovarsi in stato di fallimento, liquidazione coattiva, liquidazione volontaria o scioglimento
  • Non rientrare tra i soggetti che hanno ricevuto e non restituito aiuti non spettanti
  • Operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie, urbanistiche e del lavoro
  • Trovarsi in regime di contabilità ordinaria
  • Non essere stato destinatario, nei 6 anni precedenti la data di presentazione della domanda di agevolazione, di provvedimenti di revoca delle agevolazioni pubbliche ad eccezione di quelle derivanti da rinunce da parte delle imprese
  • Aver restituito agevolazioni non spettanti
  • Non risultare impresa in difficoltà
  • Essere in possesso dell’ultimo bilancio depositato e approvato presso la CCIAA (Modello Unico per le Ditte Individuali)
  • Non trovarsi in condizioni di controllo e di collegamento, diretto o indiretto, dì tipo societario, o attraverso cariche ricoperte da soci o amministratori
  • Non avere usufruito in precedenza di altri finanziamenti pubblici finalizzati alla realizzazione, anche parziale, delle stesse spese previste nel progetto
  • Soddisfare la “clausola sociale” di contrasto al lavoro non regolare
  • Non essere fornitori di servizi all’interno di Innoaid Puglia per altri soggetti candidati al finanziamento

Consorzi, ATI e Reti di imprese sono ammesse solo se costituite da almeno 3 MPMI.

Cosa finanzia il Bando Innoaid Puglia

I progetti di innovazione ammessi al Bando Innoaid Puglia devono essere riconducibili a:

  • Manifattura sostenibile
    • Fabbrica intelligente (settori meccanica, manifatturiero, trasporti)
    • Meccatronica
    • Aerospazio – Aeronautica
  • Salute dell’uomo e dell’ambiente
    • Benessere della persona (settori terapie innovative e farmaceutica, diagnostica, bioinformatica
    • Green Blue Economy (settori tecnologie per le energie, ambiente e territorio)
    • Agroalimentare – Agroindustria
  • Comunità digitali, creative e inclusive
    • Industria culturale e creativa (settori social innovation, design, innovazione non Ricerca & Sviluppo)
    • Beni culturali

Più nello specifico, il Bando Innoaid Puglia finanzia:

  • Servizi di consulenza in materia di:
    • Innovazione guidata dal design: supporto allo sviluppo di nuove idee e di concetti di prodotto/servizio, anche con metodi cooperativi e approcci multidisciplinari; metodi di creatività e problem solving applicati all’innovazione di prodotto/servizio; utilizzo di strumenti di indagine, anche di tipo social, per comprendere bisogni dei clienti non ancora espressi/soddisfatti, validare le soluzioni innovative attuate e aumentare la fidelizzazione del cliente rafforzando il dialogo; organizzazione di eventi di crowdsourcing quali barcamp, hackathon, call for ideas, call for solutions.
    • Innovazione di prodotto o servizio: studi e analisi tecniche; ricerca e sviluppo; progettazione, calcolo, modellazione e simulazione.
    • Studi di fattibilità: progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale; progetti di dimostrazione tecnologica, prototipazione e test; progetti di trasferimento tecnologico; realizzazione di impianti pilota.
  • Servizi di consulenza e supporto all’innovazione:
    • Sperimentazione tecnologica: prototipazione; prototipazione rapida; prove sperimentali; misure e test.
    • Proprietà intellettuale e certificazione di prodotto: analisi e studi di anteriorità e pareri di brevettabilità e/o registrabilità; procedure di deposito e trattazione della domanda (risposte a rilievi, repliche a opposizioni etc.); gestione della proprietà intellettuale e relativi accordi (trasferimento tecnologico, ricerca e sviluppo, cessioni, licenze etc.); gestione di disegni, modelli e marchi e diritti d’autore; supporto tecnico alla etichettatura di qualità e certificazione di prodotto (es. Global Gap, IFS, BRC, ISO 22005, Ecolabel).

Innoaid Puglia: come viene erogata l’agevolazione

Il fondo perduto del Bando Innoaid Puglia viene erogato sotto forma di sovvenzione diretta, nella misura del 45% delle spese ammesse e per un massimo del 50% nel caso in cui i soggetti partecipanti posseggano i requisiti di:

  • Responsabilità sociale d’impresa e certificazione etica, ovvero possesso della certificazione etica SA8000 alla data di presentazione della domanda
  • Principio di parità e non discriminazione, ovvero candidature che prevedono:
    • Responsabilità progettuale a donne o giovani (18-40 anni)
    • Nell’ultimo biennio di attività, realizzazione di almeno una iniziativa di conciliazione vita-lavoro oppure un progetto di azioni positive (Art.42 D.lgs 198/2006)
    • Progetti attivati da imprese a partecipazione o titolarità prevalente donne o giovani (18-40 anni)

La sovvenzione del Bando Innoaid Puglia si può ricevere:

  1. In un’unica soluzione, al termine della realizzazione del progetto
  2. In due soluzioni, tramite anticipo del 40% del contributo concesso e saldo del 60% al termine dei lavori

Per quanto riguarda i gruppi di MPMI, ciascuna impresa riceverà la propria quota spettante.

Una volta ammesso, il programma è da completare entro 12 mesi a partire dalla data di inizio lavori, che deve essere successiva alla presentazione della domanda Innoaid Puglia.

Presentare domanda per Innoaid Puglia 2021

Innoaid Puglia è un bando a sportello, perciò le domande vengono valutate in ordine cronologico di arrivo e accettate nel limite dei fondi a disposizione. La procedura si esegue completamente online sul Portale Sistema Puglia.

Vuoi ottenere il fondo perduto di Innoaid Puglia?