Regime semplificato: cos’è, requisiti e tasse

regime semplificato 2021

Nel mezzo dei regimi contabili, tra il regime forfettario e il regime ordinario, si colloca il regime semplificato, meno vantaggioso del primo ma senza dubbio meno oneroso e complesso del secondo.

Ecco come funziona.

Cosa si intende per regime semplificato

Il regime semplificato è un regime contabile che prevede obblighi di contabilità ridotti rispetto al regime ordinario. È meno conveniente del regime forfettario, ma le sue caratteristiche lo rendono ideale per le partite IVA minori, con ricavi compresi tra 65.000 euro e massimo 400.000 euro oppure 700.000 euro (a seconda dell’attività).

Regime semplificato: requisiti e soggetti ammessi

Possono accedere al Regime semplificato le seguenti categorie di soggetti:

  • Società di persone (s.n.c. e s.a.s.)
  • Enti non commerciali che esercitano attività commerciale in via non prevalente
  • Persone fisiche che esercitano attività commerciali in forma di impresa individuale

A patto che, nell’esercizio precedente, non sia stato superato il limite massimo di ricavi concessi in regime semplificato, ovvero:

  • 400.000 euro nel caso di attività di prestazione di servizi
  • 700.000 euro in tutti gli altri casi

Regime semplificato e tasse

Le aliquote di tassazione del regime semplificato variano da un minimo del 23% a un massimo del 43%, in base alla fascia di reddito, e più nello specifico:

  • 23% per redditi fino a 15.000 euro
  • 27% per redditi compresi tra 15.001 euro e 28.000 euro
  • 38% per redditi compresi tra 28.001 euro e 55.000 euro
  • 41% per redditi compresi tra 55.001 euro e 75.000 euro
  • 43% per redditi superiori a 75.000 euro

Che differenza c’è tra regime forfettario, semplificato e ordinario

Regime forfettario, regime semplificato e regime ordinario sono i regimi contabili di cui, ad oggi, possono avvalersi i titolari di Partita Iva. Ma quali sono le differenze sostanziali tra i tre regimi?

  • Regime forfettario:
    • Esonero dalla registrazione e tenuta delle scritture contabili
    • Esonero dall’applicazione IVA sulle fatture, dalla fatturazione elettronica, dalla ritenuta d’acconto, dal versamento dell’imposta, dall’applicazione Irap, Irpef, addizionali regionali e comunali
    • Imposta sui redditi del 15% (5% per i primi 5 anni di attività)
    • Limite massimo di ricavi fissato a 65.000 euro
    • Limite massimo di compensi, spese per lavoro accessorio e dipendente fissato a 20.000 euro
    • Possibilità per artigiani e commercianti di richiedere una riduzione del 35% sui contributi
  • Regime semplificato:
    • Reddito determinato per cassa (costi e ricavi in base alla data di effettivo esborso o incasso)
    • Obbligo della tenuta dei registri IVA, incassi e pagamenti
    • Obbligo dell’applicazione IVA sulle fatture, della fatturazione elettronica, del versamento della ritenuta d’acconto, del pagamento Irap, Irpef, addizionali regionali e comunali
    • Limite massimo di ricavi fissato a 400.000 euro per le prestazioni di servizi, 700.000 euro per tutte le altre attività
  • Regime ordinario:
    • Reddito determinato per competenza (costi e ricavi in base alla data di maturazione)
    • Obbligo della tenuta dei registri IVA, beni ammortizzabili, libro giornale, libro inventari, libri sociali per le società di capitali
    • Obbligo dell’applicazione IVA sulle fatture, della fatturazione elettronica, del versamento della ritenuta d’acconto, del pagamento di Irap, Irpef, addizionali regionali e comunali
    • Nessun limite massimo di ricavi per prestazioni di servizi e altre attività

Devi scegliere un regime fiscale per la tua attività?