StP, Società tra Professionisti: cos’è, requisiti, vantaggi

stp società tra professionisti

Dal 2018, dopo uno scetticismo iniziale generale, hanno iniziato a diffondersi le StP, ovvero le Società tra Professionisti, vietate fino al 2011. Ecco chi può farne parte, perché e in quali casi conviene.

Cos’è una StP?

Introdotta con il D.M. 8 febbraio 2013 n. 34 e regolarizzata dall’articolo 10, comma 10, della legge 183/11, la StP – acronimo di Società tra Professionisti – è una forma societaria riservata ai professionisti dell’Unione Europea iscritti a specifici ordini o collegi e può essere:

  • Monodisciplinare, quando l’oggetto sociale prevede un solo tipo di attività
  • Multidisciplinare, quando l’oggetto sociale prevede più tipi di attività

Chi può costituire una Società tra Professionisti (StP)

Possono costituire una StP solo i professionisti appartenenti alle professioni protette, ovvero coloro che per esercitare hanno bisogno di essere iscritti a un Ordine, un Elenco oppure un Albo. Un esempio ne sono medici, infermieri, commercialisti, esperti contabili, ingegneri e avvocati. Tecnici e investitori possono far parte della Società tra Professionisti solo nel caso in cui questi rappresentino non oltre 1/3 della società.

Da segnalare, inoltre, che è possibile far parte di una sola StP: è espressamente vietata la partecipazione contemporanea ad altre Società tra Professionisti; resta la possibilità di esercitare la propria professione in forma autonoma e individuale.

Come costituire una StP

Il primo passo da compiere per costituire una Società tra Professionisti (StP) è quello di scegliere la forma societaria. Le opzioni sono tre:

  • Società di persone (Ss, Snc, Sas)
  • Società di capitali (Spa, Sapa, Srl)
  • Società cooperative (solo se composte da un minimo di 3 soci persone fisiche)

Le Società tra Professionisti non possono essere costituite come Srls, perciò, in genere, la scelta dei professionisti ricade sulla Srl per la sua caratteristica di limitare il rischio d’impresa al capitale immesso in azienda. Tuttavia, proprio per questa limitata responsabilità, è fatto obbligo alle StP di sottoscrivere una polizza assicurativa per la copertura dei rischi derivanti dalla responsabilità civile per i danni causati ai clienti dai singoli soci professionisti nell’esercizio dell’attività professionale.

Stipulato l’atto costitutivo, si deve poi procedere con l’iscrizione della StP a:

  • Camera di Commercio, nella sezione speciale
  • Ordine, Albo o Collegio di appartenenza

Quali tasse paga una StP?

Una StP è soggetta al regime fiscale del tipo di società scelto, quindi:

  • Se la Società tra Professionisti è costituita sottoforma di società di capitali (le srl, per esempio), ci saranno da pagare IRES (Imposta sui Redditi della Società) e IRAP (Imposta Regionale sulle Attività Produttive).
  • Se la StP è costituita sottoforma di società di persone, ci sarà da pagare l’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) e l’IRAP.

StP: vantaggi di una Società tra Professionisti

Ma conviene davvero aprire una StP? Quali sono i vantaggi di costituire una Società tra Professionisti?

In linea generale, costituire una StP conviene perché:

  • Il professionista non risponde più dei debiti con il suo patrimonio personale, ma solo con quello aziendale
  • Essendo ogni tipo di responsabilità in capo alla società e non in capo al singolo (come avviene negli studi associati), si rafforza la collaborazione tra professionisti
  • La crescita dello studio permetterebbe l’accesso a nuove forme di finanziamento

A questa lista c’è da aggiungere un quarto motivo, vantaggioso in linea di massima per chi in forma individuale produce redditi alti: un libero professionista, infatti, è tassato progressivamente sulla base degli scaglioni IRPEF (se non è in regime forfetario, che sconta al massimo un’imposta del 15%), diversamente dalle società che mantengono un’aliquota fissa. Evidentemente, quindi, all’aumentare del reddito per il singolo professionista aumenta anche l’aliquota IRPEF, che può arrivare fino al 43% su redditi pari o superiori a 75.000 euro, mentre su una Srl lo stesso reddito verrebbe tassato con un’aliquota non superiore al 23%.

Vuoi costituire una StP?