società benefit credito d'imposta

Società benefit e credito d’imposta: via alle domande!

Diventare società benefit vuol dire avere ad oggetto – oltre la suddivisione degli utili – un obiettivo di impatto ambientale o sociale positivo e operare in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti del territorio, dell’ambiente, della comunità, delle persone, delle attività culturali e sociali, degli enti, delle associazioni e di altri portatori di interesse. Un modello di business, questo, introdotto in Italia nel gennaio 2016, oggi incentivato dal Mise con un credito d’imposta del 50% fino a un massimo di 10.000 euro. Ecco quali sono le spese ammissibili, chi può beneficiare dell’agevolazione ed entro quando presentare la richiesta.

Come funziona il credito d’imposta del 50% per società benefit

Nel limite di 7 milioni di euro messi a disposizione per l’anno 2021, il credito d’imposta disciplinato dal Decreto interministeriale del 12 novembre 2021 è fruibile fino a un massimo di 10.000 euro per ciascun beneficiario e può essere richiesto per le spese di costituzione o trasformazione dell’impresa in società benefit sostenute nel periodo 19 luglio 2020 – 31 dicembre 2021.

Credito d’imposta per Società Benefit: quali sono le spese ammissibili

Nello specifico, sono ammesse al credito d’imposta:

  • Spese notarili o di iscrizione nel Registro delle imprese
  • Spese di assistenza professionale o di consulenza sostenute per la costituzione o la trasformazione in società benefit
  • IVA (Imposta sul Valore Aggiunto), solo nel caso in cui il beneficiario dell’agevolazione non abbia altro modo per recuperarne i costi

Sono escluse dall’agevolazione le spese relative a tasse e imposte.

Chi può richiedere il credito d’imposta per società benefit

Beneficiarie del credito d’imposta sono le imprese di qualunque dimensione che alla data di presentazione della domanda:

  • Siano regolarmente costituite e iscritte al Registro delle imprese
  • Abbiano sostenuto costi di trasformazione in società benefit a partire dal 19 luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021
  • Abbiano una sede principale o secondaria in Italia
  • Si trovino nel pieno e libero esercizio dei proprio diritti
  • Non siano in stato di liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali
  • Non rientrino tra i soggetti sottoposti a revoca o esclusi da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi

Società benefit: modalità e termini per la richiesta

Nessun click day: le domande per il credito d’imposta per società benefit vanno presentate per via telematica tramite i servizi di Agenzia delle Entrate a partire dalle ore 12.00 del 19 maggio 2022 e fino alle ore 12.00 del 15 giugno 2022.

È indispensabile essere provvisti di un indirizzo PEC e allegare la documentazione relativa ai titoli di spesa e alla trasformazione o costituzione dell’impresa come società benefit. I pagamenti dovranno essere dimostrati tramite copia dell’estratto del conto corrente.

Il credito d’imposta del 50% è concesso a titolo di “de minimis” ed è fruibile solo in compensazione dei redditi tramite modello F24, nel limite massimo di 10.000 euro per ciascun beneficiario, ma è tuttavia cumulabile con:

  • Altri aiuti “de minimis” (ovvero nel limite massimo di 200.000 euro di aiuti ottenuti dall’impresa nell’arco di 3 anni)
  • Altre misure di aiuto in esenzione da notifica (cioè erogate da strumenti finanziari gestiti dall’Unione Europea) volte a sostenere le stesse spese ammissibili, nel limite dell’intensità di aiuto più elevata prevista dalla normativa UE sugli aiuti di Stato

Vuoi costituire una società benefit?

Iscriviti alla nostra Newsletter

TASSE, NEL 2022 SI PAGHERÀ DI PIÙ O DI MENO?​

LA7, SERVIZIO DI PAOLA MOSCARDINO. CATASTO, LO SPETTRO DI NUOVE TASSE, CON MARCO SPONZIELLO

LA7, L'ARIA CHE TIRA. IL "CONTRASTO DI INTERESSI"

SERVIZIO SU LA7 "L'ARIA CHE TIRA" #FLAT_TAX CHI GUADAGNA E CHI PERDE. INTERVENTO DI MARCO SPONZIELLO

Archivi