Bonus pubblicità 2021: come funziona e come richiederlo

nuovo bonus pubblicità 2021

Dalla carta stampata alla radio e la televisione fino alle testate giornalistiche online, con il nuovo Bonus Pubblicità 2021 puoi recuperare il 50% del tuo credito speso in investimenti pubblicitari.

Ecco di seguito come funziona, quali sono le spese ammissibili, quali i destinatari dell’agevolazione e i termini per la domanda.

Come funziona il nuovo Bonus Pubblicità 2021 previsto dal Decreto Sostegni bis

Il Bonus Pubblicità 2021 è un’agevolazione istituita nel 2018, caratterizzata da un credito d’imposta e concessa per favorire gli investimenti pubblicitari incrementali, ovvero quegli investimenti che ogni anno devono essere maggiori rispetto all’anno precedente.

Dal 2018 ad oggi, il Decreto Legge riguardante il Bonus Pubblicità ha subito diverse modifiche, fino a giungere – con il Decreto Sostegni Bis – alla versione definitiva per gli anni 2021 e 2022 priva dell’obbligo incrementale (nel caso specifico, pari all’1%).

In definitiva, il Bonus Pubblicità 2021 è fruibile nel regime de minimis (ovvero nel limite di 200 mila euro nell’arco dell’ultimo triennio) e prevede:

  • Credito d’imposta del 50% dell’investimento pubblicitario senza obbligo incrementale per gli investimenti pubblicitari effettuati su giornali quotidiani e periodici, anche in formato digitale, entro il limite di spesa di 65 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022.
  • Credito d’imposta del 50% dell’investimento pubblicitario senza obbligo incrementale per gli investimenti pubblicitari effettuati sulle Emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, non partecipate dallo Stato, entro il limite di spesa di 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022.

Bonus Pubblicità 2021: quali spese sono ammesse

Sono ammesse al Bonus Pubblicità 2021 le spese pubblicitarie sostenute da imprese, liberi professionisti ed enti non commerciali su canali quali:

  • Emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali iscritte al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione)
  • Giornali quotidiani e periodici, pubblicati in edizione cartacea o formato digitale, dotati di Direttore responsabile e registrati presso il Tribunale di competenza e presso il ROC

Investimenti pubblicitari esclusi dal Bonus Pubblicità 2021

Restano esclusi dal nuovo Bonus Pubblicità 2021 gli investimenti pubblicitari riguardanti:

  • Google ADS e Social Network
  • Spese accessorie, di intermediazione e di ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario, anche se ad esso funzionale o connesso
  • Spese pubblicitarie riguardanti servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite in denaro, di messaggeria vocale e chat-line
  • Spese sostenute per promuovere televendite di beni e servizi

Nuovo Bonus Pubblicità 2021: quando fare domanda e come utilizzare il credito d’imposta

Per usufruire del Bonus Pubblicità 2021 è necessario presentare richiesta tramite i servizi online di Agenzia delle Entrate nel periodo compreso tra il 1° Ottobre e il 31 Ottobre 2021.

Le richieste effettuate nel periodo compreso tra il 1° e il 31 Marzo 2021 restano valide e verranno adeguate in automatico alla nuova normativa.

lnoltre, il credito d’imposta del Bonus Pubblicità 2021 è fruibile solo in detrazione dei redditi tramite modello F24 compilato con codice tributo 6900.

Vuoi richiedere anche tu il nuovo Bonus Pubblicità 2021?