Legge di bilancio 2021: tutte le novità

novità 2021 legge di bilancio

Con la legge di bilancio 2021 il Governo punta a rilanciare il sistema economico italiano intervenendo a sostegno di famiglie, sanità, istruzione, trasporti, cinema e cultura.

Vediamo cosa prevede e in che modo apporta beneficio.

Cos’è la legge di bilancio e cosa prevede

Cos’è la legge di bilancio?

La legge di bilancio non è altro che un documento che il Governo presenta al Parlamento. All’interno sono indicati gli obiettivi di spesa pubblica e di entrate previste per l’anno successivo, incluso il reperimento delle risorse per farvi fronte.

Il Governo italiano con la legge di bilancio 2021 ha pensato sia a misure a sostegno delle famiglie che a misure a supporto delle imprese.

Ma quali sono i principali provvedimenti previsti dalla manovra?
Scopriamoli insieme.

Assegno unico per i figli

La legge di bilancio 2021 introduce l’assegno unico per i figli. È una novità in partenza dal 21 Luglio 2021, prevista anche per liberi professionisti e coloro che non presentano dichiarazione dei redditi per via di un reddito troppo basso.

La legge di bilancio 2021 dispone che l’assegno unico per i figli sia:

  • Destinato a famiglie con figli sotto i 21 anni
  • Distribuito con una quota fissa e una variabile fino a un massimo di 250 Euro per ogni figlio in base all’ISEE e alla composizione del nucleo familiare
  • Erogato in sostituzione di:
    • Assegni per il nucleo familiare
    • Detrazioni per figli a carico
    • Bonus bebè
    • Bonus mamme
    • Assegni per il terzo figlio

Il bonus verrà riconosciuto ad entrambi i genitori in parti uguali come credito da usare in compensazione con debiti d’imposta.

Prolungata la cassa integrazione Covid con la legge di bilancio 2021

Con la legge di bilancio 2021, il Governo prolunga la cassa integrazione Covid di ulteriori 18 settimane, da utilizzare entro fine Marzo 2021.

Non ci sono ancora certezze, ma probabilmente potranno usufruirne solo le aziende in evidente difficoltà e i settori maggiormente colpiti dalla crisi. Le modalità applicate dovrebbero essere le stesse del Decreto Agosto, che prevede contributi diversi in base al calo del fatturato.

L’argomento cassa integrazione Covid resta comunque in costante aggiornamento, tant’è vero che lo stesso disegno di legge riporta:

Tali misure saranno estese selettivamente nel corso del 2021 in base all’evolversi della crisi pandemica

È inoltre confermato il blocco dei licenziamenti fino a fine Marzo 2021.

Fondo perduto per le Partite Iva

La legge di bilancio 2021 proroga e potenzia le risorse economiche a disposizione delle Partite Iva. Il fondo dovrebbe essere rimpolpato con una somma che varia tra 1 e 3,2 miliardi di Euro.

L’idea è quella di rispondere alle domande dei professionisti che non hanno ricevuto il contributo per via dell’esaurimento del fondo a disposizione. Tuttavia non si conoscono ancora le modalità di finanziamento.

Legge di bilancio 2021 e moratoria sui mutui

Inizialmente disposta fino al 30 Settembre 2020, con il Decreto Agosto viene prolungata la sospensione dei mutui fino al 31 Gennaio 2021.

Con la legge di bilancio 2021 dovrebbe esserci una ulteriore proroga fino al 31 Giugno 2021.

Per le aziende del settore turismo il prolungamento è al momento confermato fino al 31 Marzo 2021.

Agevolazioni fiscali e assunzioni under 35 al Sud

La legge di bilancio 2021 inserisce importanti novità in materia di assunzioni e agevolazioni fiscali nel Mezzogiorno, con l’obiettivo di aumentare l’occupazione al Sud.

Vengono così azzerati per tre anni i contributi per le assunzioni degli under 35 a carico delle aziende di tutta Italia.

Confermata anche la proroga del credito d’imposta per gli investimenti in Meridione.

Legge di bilancio 2021 e riforma sulle pensioni

La nuova legge di bilancio 2021, prevede anche delle novità in materia di pensioni.

Queste riguardano:

  • Opzione donna 2021
  • Quota 100
  • Pensione di garanzia

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Opzione Donna con la legge di bilancio 2021

Opzione donna, inclusa nel pacchetto “riforma pensioni” presente nella legge di bilancio 2021, offre a donne dipendenti o autonome nate nel 1960 e nel 1961 la possibilità di accedere anticipatamente alla pensione.

I requisiti possono essere riepilogati come:

  • Donne autonome: minimo 59 anni
  • Dipendenti pubbliche: minimo 58 anni
  • Contributi versati: minimo 35 anni

Per quanto la pensione anticipata possa sembrare un’opzione allettante, la verità è che non sempre conviene; con Opzione donna, le lavoratrici rinunciano al calcolo dell’assegno pensionistico e secondo le stime dei tecnici la perdita è di circa il 30% dell’importo complessivo.

Va però detto che il calcolo non è uguale per tutte e che molto dipende dalla carriera lavorativa, dall’età di uscita dal lavoro e dai contributi versati.

Quota 100 con la legge di bilancio 2021

Con la legge di bilancio 2021 è riconfermata anche Quota 100.

Per chi non lo sapesse, con Quota 100 è possibile andare in pensione se la somma fra età anagrafica e contributiva è pari a 100.

Con la riconferma verranno aggiunti dei paletti per evitare l’adesione in massa, come ad esempio l’età minima di 62 anni, che si traduce in minimo 38 anni di contributi lavorativi.

Legge di bilancio 2021 e pensione di garanzia

La pensione di garanzia è una novità della legge di bilancio 2021 che consiste in un assegno minimo di 780 Euro per i lavoratori discontinui.

Per accedere bisognerà:

  • Aver maturato minimo 20 anni di contributi
  • Aver iniziato a versare contributi dal 1° Gennaio 1996 in poi
  • Essere nati dal 1970 in poi
  • Andare in pensione dal 2030 in poi

Legge di bilancio 2021 e taglio al cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti

Il cuneo fiscale è la differenza tra lo stipendio lordo versato dal datore di lavoro e la busta paga netta ricevuta dal lavoratore.

I Sindacati e Confindustria sostengono sia indispensabile una riduzione del cuneo fiscale per incentivare le imprese all’occupazione e i dipendenti a spese e investimenti.

Ma la legge di bilancio 2021 coglie il suggerimento solo in parte, tant’è che per i datori di lavoro – purtroppo – non ci saranno agevolazioni. Saranno solo i lavoratori dipendenti a beneficiare del taglio del cuneo fiscale.

In origine detto “Bonus Renzi”, chiamato adesso “Bonus IRPEF”, resta in vigore anche nel 2021 e viene esteso a incapienti (coloro che non sono beneficiari di detrazioni e con reddito inferiore a 8.174 Euro) e dipendenti con reddito fino a 40.000 Euro.

L’agevolazione sarà distribuita in due diversi modi, in base al reddito:

  • Bonus mensile di 100 Euro per dipendenti con reddito da 8.174 a 28.000 Euro
  • Detrazione in Busta Paga per dipendenti con reddito superiore a 28.000 Euro, così strutturata:
    • Detrazioni a decrescere da 480 a 80 Euro per dipendenti con reddito da 28.000 a 35.000 Euro
    • Detrazioni a decrescere da 80 a 0 Euro per dipendenti con Reddito da 35.000 a 40.000 Euro

Legge di bilancio: scuola, università, cultura e trasporti

Con la legge di bilancio 2021, la novità che tutti gli italiani attendevano da tempo: verranno finalmente stanziati fondi per scuole di ogni ordine e grado.

In particolare sono previsti:

  • 1,2 Miliardi di Euro per l’assunzione di 25.000 insegnanti di sostegno
  • 1,5 Miliardi di Euro per l’edilizia scolastica
  • 500 Milioni di Euro l’anno per il diritto allo studio
  • 500 Milioni di Euro l’anno per il settore universitario
  • 2,4 Miliardi di Euro per l’edilizia universitaria e i progetti di ricerca
  • 600 Milioni di Euro l’anno per sostenere le assunzioni nei settori del cinema e della cultura

Fra le altre, l’emergenza Covid-19 ha portato in luce tutte le criticità del trasporto pubblico, per cui la legge di bilancio 2021 introduce novità anche nel settore trasporti; non si conosce ancora la somma che sarà messa a disposizione, ma saranno certamente incrementate le corse disponibili, soprattutto negli orari scolastici.

Legge di bilancio 2021: fondi per la sanità

Il sistema sanitario italiano “barcolla, ma non molla” e dopo anni di sofferenza (e pure decadenza), il Governo interviene in suo sostegno stanziando nuovi fondi.

Con la legge di bilancio 2021, in particolare:

  • Saranno disposti almeno 4 miliardi in favore di personale medico e infermieristico
  • Saranno confermati per tutto il 2021 medici e infermieri assunti a tempo determinato per il periodo emergenziale
  • Sarà introdotto un fondo per l’acquisto di vaccini e altre esigenze correlate all’emergenza COVID-19
  • Sarà aumentata di un miliardo di euro la dotazione del Fondo Sanitario Nazionale

Se vuoi, puoi consultare il Documento Pragmatico di bilancio 2021.


Hai bisogno di una nostra consulenza?