Bonus mobili 2021: come funziona e come ottenerlo

come ottenere bonus mobili 2021

Il bonus mobili 2021 consiste in una detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici su una spesa massima di 16.000 euro.

Se vuoi sapere come ottenere il bonus mobili 2021, cosa rientra nel bonus mobili 2021 e quali ristrutturazioni ne danno diritto, allora sei nell’articolo giusto!

Come funziona il bonus mobili 2021

Il Bonus mobili 2021 permette di ottenere una detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni).

E con la legge di bilancio 2021, la detrazione IRPEF del bonus mobili 2021 viene calcolata su una spesa massima di 16.000 euro, anziché 10.000 euro come nel 2019 e 2020.

Quando spetta il bonus mobili 2021

Per usufruire del bonus mobili 2021 è necessario eseguire la ristrutturazione edilizia di un immobile o parte di un immobile residenziale.

Il bonus mobili 2021 spetta se:

  • Hai iniziato i lavori di ristrutturazione a partire dal 1° Gennaio 2020
  • La data di inizio lavori precede quella dell’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici
  • Hai effettuato acquisti per arredare parti comuni di un condominio

La detrazione prevista dal bonus mobili 2021 spetta anche nel caso in cui i beni acquistati siano destinati ad arredare un ambiente diverso da quello ristrutturato.

Per quanto riguarda invece le ristrutturazioni condominiali di parti comuni, i condòmini hanno diritto al bonus mobili 2021 ciascuno per la propria quota e solo per i beni destinati ad arredare queste parti.

Quali ristrutturazioni danno diritto al bonus mobili 2021

Le ristrutturazioni che danno diritto al bonus mobili 2021 includono:

  • Manutenzione straordinaria:
    • Installazione di ascensori e scale di sicurezza
    • Realizzazione dei servizi igienici
    • Sostituzione di infissi esterni con modifica di materiale o tipologia di infisso
    • Rifacimento di scale e rampe
    • Realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate
    • Costruzione di scale interne
    • Sostituzione dei tramezzi interni senza alterazione della tipologia dell’unità immobiliare
    • Interventi finalizzati all’utilizzo di fonti rinnovabili di energia
    • Sostituzione della caldaia
  • Ristrutturazione edilizia:
    • Modifica della facciata
    • Realizzazione di una mansarda o di un balcone
    • Trasformazione della soffitta in mansarda o del balcone in veranda
    • Apertura di nuove porte e finestre
    • Costruzione dei servizi igienici in ampliamento delle superfici e dei volumi esistenti
  • Restauro e risanamento conservativo:
    • Adeguamento delle altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti
    • Ripristino dell’aspetto storico-architettonico di un edificio
  • Manutenzione ordinaria su parti condominiali:
    • Tinteggiatura pareti e soffitti
    • Sostituzione di pavimenti
    • Sostituzione di infissi esterni
    • Rifacimento di intonaci
    • Sostituzione tegole e rinnovo delle impermeabilizzazioni
    • Riparazione o sostituzione di cancelli o portoni
    • Riparazione delle grondaie
    • Riparazione delle mura di cinta

Mentre le ristrutturazioni che non danno diritto al bonus mobili 2021 includono:

  • Lavori di tinteggiatura delle pareti, tinteggiatura dei soffitti, sostituzione di pavimenti o infissi esterni, rifacimento di intonaci interni su singoli appartamenti
  • Lavori finalizzati all’adozione di misure dirette a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi (a meno che, per le loro caratteristiche, non siano inquadrabili tra gli interventi edilizi di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro o ristrutturazione edilizia)
  • Lavori di realizzazione di box o posti auto

Per usufruire del bonus mobili 2021, non è prevista una soglia minima di spese di ristrutturazione.

Cosa rientra nel bonus mobili 2021

Nel bonus mobili 2021 rientrano acquisti di:

  • Mobili nuovi: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione
  • Elettrodomestici nuovi: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga e asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento
Cosa rientra nel bonus mobili 2021
Cosa rientra nel bonus mobili 2021

Vanno comunicati all’ENEA gli acquisti di forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga, lavatrici.

Il bonus mobili 2021 è fruibile anche per le spese di trasporto e montaggio dei beni acquistati.

Come ottenere il bonus mobili 2021

Per ottenere il bonus mobili 2021 bisognerà indicare in dichiarazione dei redditi le spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

Nota bene: la detrazione prevista dal bonus mobili 2021 spetta al contribuente che sostiene sia le spese di ristrutturazione edile che quelle di acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

Il bonus mobili 2021 si calcola su un importo massimo di 16.000 euro (non più 10.000 euro come nel 2019 e 2020) e deve essere ripartito in 10 quote annuali di pari importo.

Come pagare per ottenere il bonus mobili 2021

La detrazione del bonus mobili 2021 è prevista solo nel caso in cui i pagamenti di mobili e grandi elettrodomestici siano effettuati con bonifico, carta di credito o carta di debito (no assegni o contanti).

Il bonus mobili 2021 è fruibile anche nel caso di acquisti rateizzati, a patto che la finanziaria paghi attraverso le modalità stabilite. In questo caso, viene considerata data di acquisto la data dell’effettuato pagamento da parte della finanziaria.

Andranno applicate le stesse modalità di pagamento se si vuole usufruire del bonus mobili 2021 per le spese di trasporto e montaggio dei beni acquistati.

Hai ristrutturato un immobile e vuoi richiedere il bonus mobili 2021?