Come funziona il bonus chef: requisiti e domanda

come richiedere il bonus chef 2021

La crisi epidemiologica ha colpito tutti indistintamente, ma qualcuno più di altri. È questo il caso del settore ristorazione per il quale – dopo il bonus filiera Italia – il Governo ha deciso di istituire il bonus chef, credito d’imposta fino a 6.000 euro.

Qui ti spieghiamo cos’è, come funziona il bonus chef e quali sono i requisiti necessari per presentare domanda.

Cos’è il bonus chef

Il bonus chef è la nuova misura prevista dalla legge di stabilità 2021 per supportare il settore della ristorazione.

Consiste in un credito d’imposta disposto in favore di cuochi dipendenti e cuochi con partita iva, pari al 40% dei costi sostenuti per l’acquisto di beni strumentali durevoli e per la partecipazione a corsi di aggiornamento professionale, nel periodo compreso tra il 1° Gennaio 2021 e il 30 Giugno 2021.

Bonus chef: come funziona

Il credito d’imposta previsto dal bonus chef 2021 spetta fino a un massimo di 6.000 euro e nello specifico per spese di:

  • Acquisto di macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura degli alimenti
  • Acquisto di strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione
  • Partecipazione a corsi di aggiornamento professionale

Utilizzabile solo in compensazione tramite il modello F24, il bonus chef 2021 non concorre alla formazione del reddito ed è cedibile a terzi, inclusi istituti di credito e intermediari finanziari.

Requisiti per richiedere il bonus chef

Tolto il vincolo del possesso del codice ATECO 5.2.2.1.0 per le partite iva, resta da soddisfare un solo requisito per richiedere il bonus chef 2021: lavorare nel settore della ristorazione.

Bonus chef 2021: come richiederlo

Il Ministro dello sviluppo economico deve ancora emanare il suo decreto, ma iscrivendoti alla nostra newsletter potrai ricevere una notifica appena verranno fornite tutte le indicazioni su come richiedere il bonus chef 2021.