Beni strumentali Nuova Sabatini: cos’è e come funziona

cosa prevede la nuova legge sabatini beni strumentali

La Legge di Bilancio proroga la misura Beni Strumentali Nuova Sabatini: anche per il 2021 puoi richiedere un finanziamento e ricevere un contributo a fondo perduto.

Qui ti spieghiamo come funziona la Nuova Sabatini, cosa finanzia e come fare domanda.

Nuova Sabatini: cos’è

Beni Strumentali Nuova Sabatini consiste in un contributo a fondo perduto riconosciuto in corrispondenza e in proporzione di un finanziamento, richiesto per l’acquisto o l’acquisizione in leasing di macchinari, attrezzature, impianti, tecnologie digitali, beni strumentali ad uso produttivo, hardware e software.

Chi può richiedere la Nuova Sabatini

La Nuova Sabatini è rivolta a micro, piccole e medie imprese di tutti i settori produttivi (inclusi pesca e agricoltura) che alla data di presentazione della domanda:

  • Siano regolarmente iscritte nel Registro delle imprese o nel Registro delle imprese di pesca
  • Siano localizzate in uno Stato Membro dell’UE, con almeno una sede operativa in Italia (già esistente o da aprire entro il termine previsto dell’investimento)
  • Siano nel pieno e libero esercizio dei propri diritti
  • Non siano in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali
  • Non rientrino tra i soggetti che hanno ricevuto aiuti non spettanti e non restituiti
  • Non rientrino tra le imprese in difficoltà

Sono escluse dalla Nuova Sabatini le attività finanziarie e assicurative, le attività connesse all’esportazione o quelle relative a programmi di investimento subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni in alternativa a quelli di importazione.

Cosa finanzia la Nuova Sabatini Beni Strumentali

La Nuova Sabatini Beni Strumentali finanzia:

  • Beni strumentali nuovi: riconducibili alle voci di bilancio “impianti e macchinari”, “attrezzature industriali e commerciali” e “altri beni”
  • Software e tecnologie digitali

I beni strumentali devono essere facilmente riconducibili all’attività svolta dall’impresa e funzionanti autonomamente (ad esempio, parti di macchinari non rientrano tra i beni finanziabili).

Restano escluse tutte le spese relative a terreni e fabbricati, “immobilizzazioni in corso e acconti”, beni usati o rigenerati.

Nuova Sabatini: come funziona il contributo a fondo perduto per beni strumentali

Per ricevere il contributo a fondo perduto della Nuova Sabatini è necessario richiedere un finanziamento:

  • Di durata non superiore a 5 anni
  • Di importo compreso tra 20.000 euro e 4 milioni di euro
  • Da utilizzare interamente per gli investimenti ammissibili

Il finanziamento può raggiungere il 100% dell’importo d’investimento, ma può essere richiesto solo a banche ed enti finanziari aderenti alla misura Beni Strumentali Nuova Sabatini. Viene erogato alla PMI in un’unica soluzione, oppure, nel caso di leasing, al fornitore entro 30 gg dalla data di consegna del bene o del suo collaudo se successivo.

Il contributo a fondo perduto è variabile e determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati su un finanziamento di 5 anni, di importo uguale all’investimento e ad un tasso di interesse annuo pari al:

  • 2,75% per gli investimenti ordinari
  • 3,575% per gli investimenti “Industria 4.0” (ovvero i beni materiali e immateriali contenuti negli allegati 6/A e 6/B della circolare MISE 15 febbraio 2017 n.14036 e seguenti)

Il contributo viene erogato entro 60 gg dalla data di presentazione della richiesta:
In un’unica soluzione per le domande presentate a partire dal 1° Gennaio 2021, indipendentemente dall’importo del finanziamento;
In un’unica soluzione per le domande presentate dal 1° Maggio 2019 fino al 16 Luglio 2020 se il finanziamento ha importo non superiore a 100.000 euro;
In un’unica soluzione per le domande presentate dal 17 Luglio 2020 fino al 31 Dicembre 2020 se il finanziamento ha importo non superiore a 200.000 euro;
In quote annuali per le domande antecedenti il 1° Gennaio 2021 che non rientrano nei casi precedenti.

Il contributo a fondo perduto viene revocato nel caso in cui il piano d’investimento non sia completato entro 12 mesi dalla data di stipula del finanziamento. Tuttavia, con circolare direttoriale 29 Aprile 2020, è stata concessa una proroga di 6 mesi alle PMI beneficiarie della Nuova Sabatini (purché il periodo di 12 mesi stabilito per la realizzazione degli investimenti includa almeno un giorno del periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 15 maggio 2020).

Come richiedere la Nuova Sabatini: presentazione domande 2021

Le domande per la Nuova Sabatini vanno presentate esclusivamente online sulla piattaforma dedicata, compilando in formato elettronico l’apposito modulo di richiesta, firmato digitalmente e inviato tramite PEC alla Banca o all’Intermediario Finanziario scelto tra quelli aderenti all’iniziativa.

Hai bisogno di aiuto nel presentare domanda per la Nuova Sabatini Beni Strumentali?


Potrebbe interessarti anche: Prestito Decreto Liquidità: come funziona e come richiederlo